Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Poesia

Se qualcuno si chiedesse quale sia il valore della poesia oggi, nell’era dell’informazione di massa e del linguaggio sincopato, dovrebbe volgere lo sguardo al passato per trovare una risposta. Quale sarebbe la nostra immagine della Grande Guerra senza la poesia di Ungaretti? Come potremmo ricostruire il fervore culturale dell’Ottocento francese senza i versi di Rimbaud e Verlaine o del secondo Novecento americano senza le parole di Ginsberg e Corso? Quanto minore sarebbe la nostra conoscenza della dittatura franchista, senza le pagine di Garcia Lorca, o di quella sovietica, privati dei versi di Pasternak? Ed ancora, che cosa sarebbe della nostra lingua senza i poemi di Dante, Petrarca o Boccaccio?
La poesia, insomma, non ha solo un valore artistico, culturale, bensì anche un intrinseco significato morale e valoriale, non è solo bellezza, perché questa, come scriveva John Keats, è anche verità. Su queste basi nasce la manifestazione «Ritratti di Poesia», che si svolge ogni anno a Roma presso il Tempio di Adriano.
La rassegna, nata nel 2006 per volontà del Presidente della Fondazione Roma, si propone come uno dei principali eventi culturali dell’inverno romano. Una manifestazione in perenne evoluzione, specchio del continuo divenire della poesia stessa, attenta alla contemporaneità, ma anche alla storia letteraria, in grado di coinvolgere importanti autori, nazionali e internazionali, giovani promesse, attori e musicisti, in un originale connubio di incontri, confronti, letture, idee, versi e voci. Tra le novità delle ultime edizioni il «Premio Fondazione Roma-Ritratti di Poesia», assegnato ad un poeta che abbia contribuito all’affermazione della cultura italiana al di là dei confini nazionali; il «Premio Internazionale Fondazione Roma-Ritratti di Poesia», riconosciuto ad un poeta di profilo mondiale; il «Premio Ritratti di poesia.140», nato nell’edizione 2014 per sperimentare la poesia nei 140 caratteri di Twitter, e l’appuntamento «Poesia e canzone d’autore» che, tra gli altri, ha visto la partecipazione e l’esibizione dei cantautori Roberto Vecchioni, Lucio Dalla e Francesco De Gregori.

_____________________________________________

Ritratti di Poesia 10ª edizione
Roma, 5 febbraio 2016
Tempio di Adriano - Piazza di Pietra | Ingresso libero

Si è svolta a Roma, venerdì 5 febbraio u.s., presso il Tempio di Adriano in Piazza di Pietra, la decima edizione della manifestazione «Ritratti di poesia», che ha visto la partecipazione di affermati autori stranieri – Carol Ann Duffy (Scozia), Joy Harjo (USA), Antony Heulin (Francia), Nuno Jùdice (Portogallo), Aurélia Lassaque (Francia ), Angèle Paoli (Francia), Rati Saxena (India), Jesper Svenbro (Svezia) – e gli italiani Domenico Alvino, Dina Basso, Corrado Benigni, Vito Bonito, Domenico Cipriano, Stelvio Di Spigno, Milena de Magistris von Rex, Giancarlo Majorino, Mariella De Santis, Gabriele Frasca, Vincenzo Frungillo, Franca Grisoni, Tomaso Kemeny, Isabella Leardini, Andrea Longega, Aldo Nove, Rosa Pierno, Maria Pia Quintavalla, Silvio Raffo, Mariù Safier, Mario Santagostini, Nevio Spadoni, Alberto Toni.

Nel corso della manifestazione sono stati assegnati i premi alla poesia italiana e straniera: il Premio (nazionale) Fondazione Roma - Ritratti di poesia a Giancarlo Majorino, uno dei poeti contemporanei più rappresentativi, critico, autore di opere teatrali e musicali, presidente della Casa della poesia di Milano; il Premio internazionale Fondazione Roma-Ritratti di poesia a Carol Ann Duffy (Scozia), dal 1° maggio 2009 «Poeta Laureato del Regno Unito», prima donna scozzese ad essere investita di tale onorificenza. La lettura delle poesie dei due premi è stata affidata a Sonia Bergamasco, attrice di teatro e di cinema.

In omaggio alla ricchezza del plurilinguismo la manifestazione ha ospitato la poesia dialettale di Dina Basso, Franca Grisoni, Andrea Longega e Nevio Spadoni. Si è parlato anche di lingue in via d'estinzione con la poesia in bretone di Antony Heulin e quella in occitano di Aurélia Lassaque.

La rassegna, aperta gratuitamente al pubblico, è stata promossa dalla Fondazione Roma e organizzata dalla Fondazione Roma-Arte-Musei con InventaEventi, per la cura di Vincenzo Mascolo.

il programma >>

Segreteria organizzativa
InventaEventi
T 06 98188901