Il villaggio Alzheimer a Bufalotta diventa finalmente realtà

20 luglio 2017

Il 20 luglio scorso si è svolta una breve, ma intensa cerimonia volta ad inaugurare una parte significativa del Villaggio destinato ai malati di Alzheimer al quartiere della Bufalotta di Roma, voluto, fin dal 2012, dal Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele, Presidente della Fondazione Roma, dopo una sua visita ad una struttura pioneristica per l’Europa in Olanda, in un sobborgo di Amsterdam, denominato “Hogeway”.Il Villaggio è stato intitolato “Villaggio Emanuele” proprio per ricordare la primogenitura dell’idea e per sottolineare l’impegno da egli profuso in anni di battaglie contro ogni tipo di avversità.

Alla presenza degli organi collegiali della Fondazione Roma, lo stesso Presidente ha tagliato il nastro del “primo miglio”, così si potrebbe dire, della più ampia struttura, che vedrà integralmente la luce entro la fine dell’anno in corso e che sarà pienamente operativa agli inizi del 2018, allorché saranno messe a disposizione dei pazienti residenti quattordici case famiglia, ciascuna per sei persone, insieme ad una struttura semiresidenziale, destinata ad accogliere circa 20 persone al giorno. Al termine dei lavori, dunque, il villaggio ospiterà, a regime, circa 100 persone contemporaneamente, a titolo completamente gratuito. Alla data del 20 luglio sono state, infatti, terminate le prime tre abitazioni per sei pazienti residenti ciascuna, complete degli arredi, una per ogni stile di vita previsto nel progetto, culturale-cosmopolita-creativo, tradizionale-conservatore, urbano-sociale, ma anche il suddetto centro semiresidenziale ed il centro servizi, comprensivo di un salone di bellezza, di una sala per la riabilitazione, di una sala per la musica e di una sala per la terapia occupazionale, anch’essi completamente arredati e dotati delle relative attrezzature.

Una volta interamente completato, il Villaggio mira a colmare un vuoto grave nei servizi di assistenza alle persone affette da demenza senile ed in particolare, da Alzheimer, il vuoto tra la casa dei propri familiari e le RSA, tra le quali non esistono soluzioni alternative efficaci. Il progetto avviato dalla Fondazione Roma intende, per l’appunto, offrire una valida alternativa all’approccio tradizionale alla malattia praticato presso le RSA, ove spesso le persone rivelano potenzialità comunicative e sensibilità importanti che, però, si spengono rapidamente, perché non riconosciute o valorizzate.

Il Prof. Emanuele ha espresso la propria soddisfazione perché un suo ambizioso e complesso progetto sta vedendo finalmente la luce, e perché Roma, con questa struttura, e grazie ad un soggetto leader del mondo del privato sociale, si rivela, nonostante le crescenti difficoltà riguardanti la gestione amministrativa ed il percepibile aumentato degrado su molti versanti, all’avanguardia nell’affrontare un’emergenza sanitaria che da molti anni costituisce una ferita dolorosissima, soprattutto per le persone chiamate a stare accanto a familiari colpiti da questo terribile morbo, che progressivamente resetta il vissuto, la memoria, gli affetti, la consapevolezza dei gesti anche più semplici ed abitudinari. «La mia idea – ha detto il Prof. Emanuele – ha inteso, fin dalle origini, garantire alle persone affette da questa devastante malattia la possibilità di vivere più a lungo e serenamente, in un ambiente che richiama il calore domestico, in libertà, con diverse opportunità ricreative, assicurando, al contempo, un’alta qualità della vita, nonché le cure ed i controlli necessari. Si è trattato di ideare uno spazio completo di ogni servizio e volto alla necessità di creare un modello di assistenza che possa assicurare una vita il più possibile vicina alla normalità ed al vissuto delle singole persone durante il lungo decorso della malattia. Tanto più che allo stato attuale, non essendo ancora stata individuata una possibilità concreta di guarigione, diventa fondamentale la ricerca di strategie psicosociali ed ambientali, che diano benessere e sensazione di controllo di sé ai soggetti colpiti e di stabilità alle loro famiglie. L’obiettivo è, infatti, – continua il Prof. Emanuele – quello di offrire un ambiente rassicurante, positivo e privo di fonti di stress, che vada incontro ai deficit cognitivi e che renda più difficile l’insorgenza dei disturbi del comportamento. Al di là della struttura, è chiaro che gran parte del successo dell’importante iniziativa sarà nelle mani del personale di assistenza, nonché dei volontari e degli operatori, cui è affidato il compito più difficile, quello d’intessere relazioni efficaci e solide con i pazienti, i familiari  e tra di loro, in modo da creare il clima giusto, protetto, ma libero e sereno.» Egli ha poi ringraziato i componenti degli organi collegiali della Fondazione Roma, il Direttore Generale, i progettisti olandesi, il Dr. Eloy van Hall che ha concepito il modello di gestione di Hogeway, replicandolodo nel “Villaggio Emanuele”, e gli Arch. Frank van Dillen e Gijs Pickevet, nonché il Project Manager e Responsabile dei Lavori, Ing. Federico Carrara, il Direttore dei Lavori, Arch. Diego Barletti, l’Arch. Enzo Angiolini per il design degli interni, gli altri tecnici, la società che ha in appalto i lavori e tutte le persone che lo hanno aiutato nel superare le molte difficoltà incontrate, e che hanno concorso a non fargli perdere la fiducia circa il buon esito dell’importante iniziativa che, ha ricordato, è stata realizzata esclusivamente con risorse della Fondazione Roma, la quale si preoccuperà di gestirla anche per il futuro, senza oneri a carico del soggetto pubblico e dei residenti. Il tutto con la collaborazione auspicabile, in via continuativa, sotto il profilo scientifico, con il Villaggio da parte del team di Hogeway.

Il Prof. Emanuele si è, infine, rallegrato perché la sua idea pionieristica per l’Italia è stata positivamente raccolta ed emulata in altre parti d’Italia, ove sembra che nasceranno analoghi villaggi residenziali destinati ad accogliere persone con deficit cognitivo, ma ha tenuto a ribadire la primogenitura della Fondazione Roma con riguardo al concepimento dell’idea, ed all’avvio concreto della sua realizzazione.