Simposio FondAzioneRoma

Mobilità sostenibile, il Presidente Franco Parasassi:
Collaborazione pubblico/privato necessaria anche in vista del Giubileo

L’intesa fra Fondazione e Roma Capitale ha già portato alla realizzazione del tratto di pista ciclabile
fra il Ponte dell’Industria e il MACRO Testaccio.

“Un modello di partenariato pubblico/privato che vale come esempio per altre operazioni”

Roma, 27 giugno 2024 – Ma davvero la mobilità del presente e del futuro è una missione impossibile per Roma Capitale e in generale per le metropoli contemporanee? Qual è la ricetta più saggia e meno impattante per garantire una mobilità efficiente per una città che ospita e ospiterà milioni di turisti ogni anno? È possibile ripensare il modello di trasporto urbano?
Sono stati alcuni dei temi del dibattito del terzo Simposio FondAzioneRoma a cui hanno partecipato l’Assessore alla Mobilità del Comune di Roma Eugenio Patanè, il Sottosegretario all’Economia Federico Freni, l’Ing. Ivan Bassato, Chief Business Unit Aviation di AdR S.p.A., il fondatore dell’Osservatorio Bikeconomy Gianluca Santilli e il due volte campione del mondo di ciclismo Paolo Bettini.

I numeri della mobilità sostenibile nel nostro Paese sono ancora in evoluzione e a far da traino ci sono senz’altro i grandi centri urbani. Ad esempio, per quanto riguarda il trasporto pubblico, Milano ha un tasso di utilizzo del 55%, mentre Roma si attesta al 40%. Il numero di veicoli elettrici in Italia è salito a circa 200.000, con un aumento del 25% rispetto al 2022. Le stazioni di ricarica pubbliche sono passate da 14.000 nel 2021 a oltre 20.000 nel 2023, con una forte concentrazione nelle aree metropolitane. Anche le piste ciclabili sono in aumento: Milano ha superato i 300 km di rete nel 2023 mentre Roma ne ha circa 320 km di ciclo-percorsi.
A questi numeri vanno aggiunti quelli del PNRR, che prevede investimenti significativi nella mobilità sostenibile, con oltre 3 miliardi di euro destinati al potenziamento del trasporto pubblico locale e infrastrutture ciclabili entro il 2026.

Il terzo Simposio è stata l’occasione per presentare altri dettagli sul progetto di pista ciclabile a Testaccio, nato dall’intesa fra la Fondazione Roma e la giunta di Roma Capitale. Un tratto di 800 metri che collegherà il tracciato attualmente esistente sul Lungotevere degli Artigiani con il MACRO Testaccio, all’interno dell’ex Mattatoio, attraverso un’operazione di recupero e risistemazione di un’intera area urbana. Fondazione si è offerta di realizzare l’opera a sua cura e interamente a sue spese, grazie alle norme sul partenariato pubblico/privato previste dal nuovo Codice degli appalti. Si tratta della prima applicazione concreta delle nuove norme a Roma. Un impegno di 1,3 mln di euro che prevede l’utilizzo di materiali innovativi e sostenibili, dai led per la circolazione notturna alle pavimentazioni ecologiche.

«Questo è solo un primo passo, benché importantissimo – ha sottolineato il Presidente di Fondazione Roma, Franco ParasassiIl modello di partenariato pubblico-privato è uno degli strumenti più rapidi ed efficaci per migliorare i servizi a favore delle comunità e per una mobilità sostenibile, soprattutto a pochi mesi Giubileo. Perché detto modello funzioni, occorre, però, che le iniziative siano condivise in ogni fase, da quella progettuale a quella realizzativa, per evitare che il soggetto privato sia percepito solo come quello che mette le risorse ed il soggetto pubblico come quello che si limita a rilasciare eventuali autorizzazioni. Fondazione Roma vuole essere un modello per l’intero sistema e per altre operazioni che possono nascere, con il contributo nostro o di altri soggetti. C’è, tuttavia, un punto per noi imprescindibile – ha proseguito Parasassi – perché siamo convinti che infrastrutture come queste siano percepite come un bene comune, di cui dovranno prendersi cura in tanti: abitanti, sportivi, aziende, famiglie, istituzioni, cittadini. Il mio è un appello alla tutela di un bene che verrà utilizzato da tutti e che da tutti dovrà essere curato e manutenuto».

Rassegna stampa »

Rassegna stampa »

video SPECIALE CLASS CNBC »

Video dell'evento